23 – RAFAELA OLTRE LA SOGLIA

È bella di una bellezza ambigua, accattivante, misteriosa. Alta, bionda, occhi scuri, zigomi sporgenti e viso triangolare. Sta inequivocabilmente battendo per strada. Ma non sono i suoi vestiti indecenti o i tacchi vertiginosi a rivelarlo. E nemmeno il trucco esagerato. Lo rivela quel modo compito e formale con cui si è mossa dal marciapiede dove … Continua a leggere 23 – RAFAELA OLTRE LA SOGLIA

13 – MARE E NAVIGANTE

Me lo scrisse una notte. Era stato con un'altra. "Ho paura di avere rovinato tutto" scriveva "Ho paura di avere incrinato qualcosa che era incredibilmente perfetto" Ecco. Era arrivata la notizia che stordisce. Un dolore potente che mi inondava e intontiva. E, come un pugile che crolla al tappeto, vedevo i contorni del reale sfumare … Continua a leggere 13 – MARE E NAVIGANTE

06 – UNA NUOVA LETIZIA

"Non vuoi farmi il culo?" gli chiesi un pomeriggio. Così d'improvviso, mentre eravamo nudi sul letto, gambe e braccia intrecciate, spossati d'amore. Lui arrossì fino alla fronte. Avevo già capito che non aveva mai preso una donna in quel modo e me lo confermò comunque lui poco dopo. Ci vedevamo da più di due mesi e un potente indizio che fosse inesperto al riguardo era sicuramente il fatto che non me lo avesse mai chiesto e che non avesse nemmeno tentato un debole approccio durante gli amplessi (ci sono uomini che non te lo chiedono: tu stai lì a pecora, convinta che stanno per farti la fica, quando senti un cazzo che preme forte contro il tuo buchetto. Generalmente in quei casi mi giravo e mollavo una sberla al cafone di turno). Ho un bellissimo culo, qualcuno lo ha definito "un culo che parla